GNATOLOGIA e PATOLOGIA ORALE

La GNATOLOGIA è quel settore dell’odontoiatria che si occupa della diagnosi e della cura di un vasto gruppo di condizioni cliniche, disordini e patologie che causano alterazioni della sensibilità e/o dei movimenti dell’apparato stomatognatico.

Nel campo della gnatologia le patologie che l’odontoiatra è chiamato ad affrontare sono:

  • i DISORDINI TEMPORO MANDIBOLARI: insieme di condizioni dolorose e/o disfunzionali di natura infiammatoria o degenerativa che interessano le articolazioni temporo-mandibolari e la muscolatura masticatoria.
  • il DOLORE ORO-FACCIALE NON ODONTOGENO: causato da varie condizioni che possono riguardare strutture limitrofe o distanti dal cavo orale, di origine muscolo-scheletrica, neurologica e vascolare.
  • il BRUXISMO: ripetitiva attività para-fisiologica dei muscoli masticatori, svolta in modo involontario dal paziente, che si estrinseca in forme di serramento o digrignamento dei denti e/o mantenimento della mandibola in posizione fissa con i muscoli contratti, anche senza contatto dentale. Serramento e digrignamento dei denti sono forme di Bruxismo. Può manifestarsi durante la veglia o il sonno.
  • le anomalie del movimento e respiratorie che avvengono nel sonno, comprese le APNEE OSTRUTTIVE (OSAS).

Per la loro diagnosi sono di fondamentale importanza l’ANAMNESI e l’ESAME CLINICO OBIETTIVO. Quando vi sono le indicazioni, un dispositivo occlusale rimovibile personalizzato chiamato BITE, può essere in grado di controllare sintomatologie dolorose, anche importanti, a carico dell’apparato masticatorio e delle catene muscolari collegate.

gnatologia
gnatologia

La PATOLOGIA ORALE è quella branca della medicina che studia gli aspetti clinici, anatomo-patologici e terapeutici delle malattie che interessano i tessuti molli e duri della cavità orale e i tessuti delle regioni periorali.

Il cavo orale può essere interessato da lesioni singole o multiple e da manifestazioni locali di affezioni sistemiche.

Per affrontare questi quadri patologici con efficienza ed efficacia si deve seguire una routine metodologica nella diagnostica capace di identificare le caratteristiche del processo patologico con rapidità.